Il Duomo di Teramo

Alla scoperta
di un patrimonio

Strumenti musicali


Liuto

Liuto

Con il termine Liuto si intende sia lo strumento musicale sia, secondo la classificazione organologica, la particolare famiglia di strumenti cordofoni composti da un manico sul quale l´esecutore preme con le dita le corde nelle posizioni opportune, e da una cassa armonica. A seconda del modo utilizzato per produrre il suono dalle corde, si distinguono i liuti ad arco, nei quali le corde sono sfregate da un archetto (violino, viola...) dai liuti a plettro, nei quali le corde sono pizzicate dal plettro o dalle unghie dell´esecutore (chitarra, mandolino...). I liuti, siano essi ad arco o a plettro, si possono anche classificare, in base al manico, in corti e lunghi.





Ribeca

La Ribeca è uno strumento musicale ad arco, in uso nel medioevo.
Di origine orientale, la ribeca fu introdotta in Europa dagli Arabi. La cassa era a forma di pera, piatta superiormente, convessa inferiormente, con due aperture sulla tavola armonica; il cavigliere vi si raccordava direttamente. Dotata generalmente di tre corde accordate per quinte (sol, re, la), produceva un suono aspro e forte. Era prediletta dai menestrelli, che se ne servivano per accompagnare le danze. Con la diffusione del violino e della viola fu relegata a strumento popolare e uscì dalla pratica musicale alla fine del XVII sec.

Ciaramella

Ciaramella

La Ciaramella o Pipita è uno strumento musicale popolare aerofono della famiglia degli oboi con ancia doppia, cameratura conica e senza chiavi. Il termine ciaramella, deriva dal diminutivo tardo latino calamellus, derivante a sua volta dalla parola latina calamus, cioè canna. Questo strumento musicale popolare è diffuso in tutto il centro sud Italia.